Cromoterapia

Aggiornamento: 21 feb

La cromoterapia, terapia dei colori, è una branca della medicina alternativa che studia il colore per comprendere quale effetto ha sull'organismo. Infatti viene spesso usata per fini terapeutici oltre che per aiutare la persona a raggiungere uno stato di benessere.




Curarsi con i colori

non è una moda new-age. Tornando alla storia possiamo notare come gli egizi e i greci erano soliti esporsi alla luce del sole per curare i disturbi fisici.

In India, nelle tradizioni della medicina ayurvedica, notiamo come i colori permettono di equilibrare i chakra.

Lavorando sul sistema energetico attraverso la cromoterapia è possibile stimolare i punti energetici e rimuovere così quelle malattie di natura psicosomatica.

Gli Egizi, gli indiani e gli antichi greci notarono come i sentimenti non espressi, ansia e rabbia, portavano a sviluppare malattie fisiche anche gravi, impossibili da debellare fino a quando il problema di base non era rimosso.

E una delle varie pratiche era proprio la cromoterapia.

Essa lavorava sul sistema energetico del corpo, l’aura e i sette chakra e permetteva di portare equilibrio alla persona che imparava a gestire meglio le emozioni, portandole fuori e manifestandole, in questo modo, tolto il blocco, anche la malattia tendeva a scomparire.


Non è stato dimostrato che è possibile guarire con i colori e tanto meno che questi interagiscano con il modello dei chakra.

Tuttavia, alcuni studi (non da tutti accettati) hanno evidenziato come i colori influenzino il sistema nervoso, quello metabolico e quello immunitario.


Attenzione

Lo scopo della cromoterapia non è quello di sostituire una cura medica, non un trattamento vero, La dicitura classica di “guarire con i colori” quindi, non vuole indicare la possibilità di eliminare una malattia attraverso l’utilizzo di lampade per la cromoterapia o oggetti simili, ma piuttosto di aiutare la persona a combattere la fonte del problema qualora questa fosse di carattere psichico-spirituale, accompagnando le terapie ufficiali indicate dal medico specialista.


I colori delle pietre

Entriamo subito nello specifico parlando di come la cromoterapia riveste un ruolo importante nella cristalloterapia, e sia di come le nostre pietre possono assumere appunto colorazioni tanto magnifiche.

Le pietre non emanano luce propria e per tanto rientrano nella categoria di quei corpi che brillano di luce riflessa.


Proprietà dei colori

  • Nero: pietre nere tendono ad assorbire l’energia negativa e in eccesso, accompagnano i processi di guarigione, si occupano di tutto il corpo e della sfera psicologica. I minerali neri come l’onice, l‘ossidiana e la tormalina migliorano la memoria e spingono alla ricerca della luce interiore.


  • Rosso: Nella simbologia, il colore rosso rappresenta la passione e l’amore. Rappresenta l’azione, ma anche la dignità. Le pietre rosse servono come stimolante per ritrovare la motivazione, a livello fisico lavorano per il sangue, accentua la fantasia e la creatività, ma anche i sentimenti (in positivo e in negativo) subiscono lo stesso processo.


  • Rosa: Conferisce vitalità all’amore, simboleggia la capacità di dare senza temere. Le pietre rosa aiutano ad armonizzare il flusso sanguigno e quello energetico.


  • Arancione: Simboleggia l’armonia interiore, la creatività e la fiducia. Le pietre arancioni rivitalizzano tutto l’organismo, donando un equilibrio difficile da trovare grazie ad altri minerali, stimola a trovare un miglior contatto con il proprio corpo e regola il metabolismo a livello psicologico e l’umore. La persona che utilizzerà minerali arancioni troverà una calma maggiore.


  • Giallo: Simboleggia la conoscenza e il cambiamento, rappresenta anche la vitalità e il desiderio di viaggiare verso prospettive migliori. Le pietre gialle come il quarzo citrino lavorano su tutto il sistema digestivo, donano energia e felicità, aiutano la persona a raggiungere i propri obbiettivi con più facilità, focalizzandosi su essi.


  • Verde: Equilibrio e armonia. Sono queste le parole chiave di questo colore nella cromoterapia e nel simbolismo, tendenza alla staticità per paura di perdere le sicurezze raggiunte. Le pietre verdi armonizzano corpo, mente e spirito, sostengono l’immaginazione e aiutano a liberare i sentimenti come collera e rabbia, troppo spesso causa di malattie psicosomatiche.


  • Viola: Le pietre viola, come l’ametista, purificano e stimolano la mente, regolano l’apparato respiratorio e aiutano ad uscire dalla tristezza, superando i traumi. Permette di far emergere la propria saggezza.


  • Marrone: Indica una forte soddisfazione verso le cose ottenute. Rappresenta emotività e sensualità. Le pietre marroni aiutano ad amarsi di più a livello fisico.


  • Bianco (trasparente): Nella simbologia occidentale viene visto come il simbolo che esprime speranza, fiducia, purezza e spiritualità. Le pietre bianche per loro natura non assorbono frequenze luminose, esse muovono la luce verso di noi, stimolano la chiarezza e la presa di coscienza interiore.


  • Blu: Simbolo dell’equilibrio emotivo. Le pietre blu regolano gli ormoni e i reni a livello mentale aiutano a superare le paure e i traumi, rafforza l’istinto e il coraggio, tra le pietre blu più famose troviamo il lapislazzuli e la sodalite.


  • Multicolore e brillante: In cristalloterapia le pietre brillanti e multicolore, come la labradorite e l’opale, stimolano le attività di tutto quanto l’organismo, danno gioia di vivere e energia, spingono l’individuo a trovare il giusto riposo e il momento di svago, portandolo a comprendere l’importanza di una “pausa”.




17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Feng Shui